Pane cotto in pentola




Il pane cotto in pentola o pane cafone è un pane tipico del
la mia terra d'origine, Napoli.
Il suo nome risale ai tempi dei Borboni dove nei salotti dell'alta borghesia si parlava la lingua francese, segno di eleganza e di raffinatezza, il popolo invece parlava un dialetto denominato "cafone" ed essendo il pane in pentola, il pane dei poveri, prese questa denominazione.

Dopo anni lontano da Napoli continuo a pensare che sia il pane classico migliore che abbia mai provato, sarà per la mia origine o per il suo profumo che mi trasporta al passato.

Leggerissimo per la minima quantità di lievito, e buonissimo a tal punto che si rischia di finirlo tutto in una sola notte.
Questo pane conservato adeguatamente conserva la sua freschezza e morbidezza per una settimana e credetemi, difficilmente durerà tutta la settimana.

La ricetta di questo pane l'ho trovata sfogliando il blog di il cucchiaio d'oro e come giusto che sia lo ringrazio per avermela fatta scoprire.
Inoltre grandiosa è il tipo di cottura, in una pentola nel forno che imita la cottura del forno a legna.
Chiaramente vi consiglio di prendere una pentola adatta 
(senza manici di plastica), per evitare brutte sorprese.


Credetemi è una enorme soddisfazione sfornare il proprio pezzo di pane.


Preparazione:30 minuti - cottura:1 ora - Dosi per: 2 kg

Ingredienti

400gr di farina                      
600gr di farina Manitoba                                   
5gr di lievito di birra fresco                
1 cucchiaino di zucchero            
1 cucchiaio di sale          
700ml di acqua a temperatura ambiente

Procedimento

1. Sciogliete il lievito in un bicchiere di acqua tiepida sottratto dai 700ml totali.
Versare tutti gli ingredienti in una ciotola e lavorate fino ad                         amalgamare il tutto e creare un panetto.
Coprite la ciotola con della pellicola e mettete in frigo a riposare per un minimo di 8 ore.
Trascorso il riposo l'impasto risulterà appiccicoso e pieno di bolle.
A questo punto iniziamo la fase dell'impasto.

2. Rovesciate il panetto sulla spianatoia e iniziate facendo 5 pieghe ossia ripiegando il pane 5 volte su se stesso. 
Ripetete le 5 pieghe per almeno 4 volte, stendendo e ripiegando, dopodiché formate una palla con le pieghe rivolte verso il basso.
Mettete un panno sotto e uno sopra e lasciate lievitare per altre 2 ore.

3. Mezz'ora prima di infornare il pane, mettete la pentola con il coperchio nel forno alla massima temperatura.
Capovolgete il pane nella pentola in modo che le pieghe siano rivolte verso l'alto.
( Fate attenzione che la pentola sarà bollente).
Coprite con il coperchio e infornate per una ora.
Dopo la cottura potete sfornarlo facilmente capovolgendo la pentola, il pane non si attaccherà se la pentola era bollente quando abbiamo messo l'impasto.

Vi assicuro che è una soddisfazione totale.


Vi consiglio...

...se volete un pane più tostato, basta lasciar cuocere una decina di minuti in più senza coperchio.


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questa ricetta, sono ben accetti consigli e opinioni.

Aggiungi la tua email e riceverai le nuove ricette

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...